Una Casa di Riposo alle Albere, la proposta di Claudio Cia

Il consigliere comunale chiede che vengano destinati a residenza protetta per anziani gli appartamenti del quartiere di Renzo Piano

L'area ex Michelin è stata oggetto di ingenti risorse pubbliche e contemporaneamente, sul versante privato, gli appartamenti del quartiere Le Albere ancora stentano ad essere venduti. Partendo da queste premesse il cosigliere comunale Claudio Cia (Civica per Trento) avanza l'ipotesi che gli appartamenti della società Castello vengano destinati ad alloggiare anziani in residenze assistite: una casa di riposo "diffusa" nel nuovo e lussuoso quartiere delle Albere. 

(in allegato un fotomontaggio)

La proposta è oggetto di un ordine del giorno inoltrato dal consigliere, da sempre critico sul quartiere progettato da Renzo Piano, al presidente del Consiglio Comunale di Trento Renato Pegoretti.

"Vista l'assenza di interesse del privato l'esperienza insegna che, con tutta probabilità, interverrà l'ente pubblico (Provincia) con ulteriori ampie acquisizioni all’interno dell’area. Nella speranza che non si acquistino altri spazi per sale congressi, uffici, ecc si auspica che alcuni edifici dell’area vengano destinati ad RSA" si legge nel testo "in modo che almeno ogni tanto l'utilizzo di risorse pubbliche “ritorni” a beneficio dei cittadini e degli anziani di questa terra cosicché anch'essi possano godere dei grandi spazi verdi d'uso pubblico adiacenti le strutture ed essere sdoganati dalle periferia dove sono stati confinati lontani dal cuore della città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vede i carabinieri, che hanno fermato un altro, accosta e spegne l'auto: denunciato

  • Vino DOC falso da Pavia a Lavis: blitz della Guardia di Finanza

  • Vino DOC contraffatto: perquisizioni in Trentino, blitz all'alba e sette arresti

  • Tragedia a Villazzano: anziana muore intrappolata nell'incendio

  • Padre e figlio bracconieri denunciati in Val di Sole: stavano decapitando un cervo

  • Investita in via al Desert: è gravissima

Torna su
TrentoToday è in caricamento