Si attacca al citofono della comunità di accoglienza, poi lo stacca e lo ruba: arrestato

Notte concitata alla comunità di accoglienza "Il Sentiero" di via della Cervara. Il 44enne ora è in carcere

Si trova al carcere di Spini l'uomo, arrestato nella notte dai carabinieri per un episodio dai contorni ancora poco chiari. La pattuglia del Radiomobile è intervenuta verso le 22.30 di giovedì 23 gennaio dopo la chiamata al 112 da parte del personale della comunità "Sentiero" perchè qualcuno si era letteralmente "attaccato al citofono". La comunità, in via della Cervara a Trento, è una struttura di accoglienza per persone senza dimora o socialmente emarginate, di Fondazione Comunità Solidale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando i militari sono giunti sul posto hanno visto qualcuno che tetava di nascondersi. Avvicinatisi al soggeto questi ha opposto resistenza finchè non è stato bloccato e perquisito. Aveva con sè un oggetto strano: la tastiera del citofono della comunità, che aveva evidentemente divelto ed asportato. Dopo le operazioni di rito è stato trattenuto per tutta la notte in caserma. Nella mattinata successiva l'arresto è stato convalidato ed è stata decisa la misura cautelare in carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Azienda trentina brevetta una macchina che produce 70.000 mascherine al giorno

  • Video "hard" durante la lezione online delle elementari

Torna su
TrentoToday è in caricamento