Circoncisioni rituali per 300 euro: arrestato medico chirurgo

I carabinieri del NAS di Trento hanno arrestato un chirurgo che, secondo quanto ricostruito, avrebbe eseguito innumerevoli circoncisioni spacciandole per necessarie

Circoncisioni rituali spacciate per necessarie per motivi sanitari. I carabinieri del NAS di GTrento hano arrestato un chirurgo di un ospedale pubblico altoatesino per i reati di peculato, falsità ideologica e truffa aggravata. Vittima della truffa, che andava avanti dal 2015 secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, sarebbe il servizio sanitario pubblico altoatesino.

Chi si sottopone volutamente ad un'operazione di circoncisione, infatti, deve sostenere un costo di circa 900 euro, con ricovero ospedaliero. Il medico, attestando che la circoncisione doveva essere eseguita per fimosi, la eseguiva senza costi per i pazienti, dai quali però intascava 300 euro, ogni volta. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Camion perde il carico sulla "Maza": traffico in tilt tra la Busa ed il Garda

  • Poliziotto trascinato da una moto in fuga sulla statale per 500 metri: in prognosi riservata

Torna su
TrentoToday è in caricamento