Ciclisti sulla Valsugana nella galleria di Martignano

Situazione molto pericolosa segnalata da un automobilista su facebook. Attualmente, però, non esiste un collegamento ciclabile tra il capoluogo e la Valsugana

La foto circolata su facebook con i due ciclisti nella lunga galleria della SS 47

Saranno molto probabilmente usciti indenni dal tunnel, e lo speriamo vivamente, i due ciclisti segnalati da un automobilista all'interno della Galleria di Martignano con tanto di foto (vedi sopra) nel gruppo facebook SoS 47 della Valsugana. Sicuramente hanno creato una situazione di pericolo per se stessi e per i tanti automobilisti in transito.

Per ritrovarsi nella galleria devono per forza aver percorso anche un pezzo di tangenziale nord, dove è espressamente vietato il transito in bicicletta. La questione però non si può liquidare con la giusta, ma semplice, indignazione per un gesto sconsiderato: a "difesa" dei ciclisti va detto che ad oggi è praticamente impossibile raggiungere la Valsugana da Trento in bibicletta.

L'unica  possibilità è rappresentata dalla cosiddetta strada dei forti che congiunge Cognola a Civezzano, conosciuta a stento dai locali, figuriamoci dai cicloturisti, magari stranieri. Di un collegamento tra Trento e Pergine accessibile alle biciclette si parla ormai da molti anni: "è attualmente in fase avanzata di progettazione", questa la lapidaria frase che si può leggere nel sito istituzionale della Provincia riservato alle ciclabili trentine. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il supermercato più conveniente di Trento? Ecco il "calcolatore" online di Altroconsumo

  • "Aiuto, c'è una donna con lenzuolo bianco sulla statale": chiamano il 112 per la Samara challange

  • Incendio in casa: morta una mamma, grave il suo bambino

  • Tornano all'auto parcheggiata in via Grazioli e ci trovano dentro il ladro

  • Incidente a Ledro, motociclista perde il controllo e si schianta: portato via in elicottero

  • Trascina un agente per 500 metri: si è costituito il motociclista pirata

Torna su
TrentoToday è in caricamento