L'Austria chiude le frontiere e la Lega Nord lancia l'allarme profughi

"Nelle prossime settimane il rischio è una vera e propria invasione che deve allarmare le giunte provinciali di Trento e Bolzano. Rossi e Kompatscher devono chiedere al governo Renzi uno status di emergenza"

"Nelle prossime settimane il rischio è una vera e propria invasione che deve allarmare le giunte provinciali di Trento e Bolzano. Rossi e Kompatscher devono chiedere al governo Renzi uno status di emergenza per il nostro territorio con lo stop di nuovi arrivi e lo smistamento in altre regioni di coloro che non vengono accolti in Austria".

Lo afferma in una nota il segretario della Lega Nord del Trentino, Maurizio Fugatti, che interviene dopo l'annuncio dell'Austria, che sta predisponendo la chiusura delle frontiere. La notizia viene ufficializzata con la chiusura, fra quattro settimane, del passo del Brennero, del passo Resia, di Prato alla Drava, di passo Stalle e passo Rombo. "Si va così definendo la strategia austriaca per la gestione del flusso dei profughi e non sono belle notizie per il Sudtirolo e per il Trentino - afferma Fugatti - Inoltre Rossi e Kompatscher dovrebbero insistere con il governo italiano per modificare completamente la politica di accoglienza finora attuata, arrivando a predisporre i pattugliamenti delle navi italiane sui mari da dove provengono i barconi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croce Bianca di Trento piange Silvio Maestrelli: la triste scomparsa del ragazzo

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • La leggenda di Santa Lucia, "collega" di Babbo Natale

  • Krampus "violenti" a Vipiteno? E' una tradizione, ma la fake news fa il giro del web

  • Incidente mortale sulla A22: furgone contro un camion

Torna su
TrentoToday è in caricamento