Chiuso il centro profughi di Marco, Dalzocchio: "Una vittoria della Lega"

Il commento della consigliera leghista, i richiedenti asilo saranno concentrati solamente a Trento

Ha definitivamente chiuso i battenti il campo profughi gestito dalla Protezione Civile provinciale a Marco. Gli ultimi 87 ospiti sono stati trasferiti, in gran parte verso la Residenza Fersina di Trento, che sarà invece ingrandita, secondo la linea adottata dalla nuova Giunta leghista, di concentrare tutti i richiedenti asilo a Trento.

"Una vittoria storica della Lega" commenta la consigliera Mara Dalzocchio, roveretana. "Un risultato che mi rende particolarmente fiera di quanto stia facendo la Lega Salvini Trentino in piccoli borghi come quello di Marco di Rovereto, anche perché è una chiara dimostrazione di come si voglia procedere, senza se e senza ma, dalle parole ai fatti. A Marco la situazione era diventata insostenibile con continue rivolte presso il centro, rivolte che sono state persino state riportate dalla stampa nazionale con conseguente danno d’immagine al territorio di Marco che, per anni, è stato considerato dal centrosinistra autonomista come un territorio di serie B" si legge in una nota.

Potrebbe interessarti

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

  • Notte Bianca: rimozione forzata in tutto il centro, 28 locali allargano lo spazio esterno

I più letti della settimana

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • A22: camion contro auto della Polizia, agente estratto dalle lamiere

  • Cade nel torrente, lo ritrovano alla diga

  • Incidente frontale, auto invade la corsia opposta e si schianta contro un camion: trentino ferito

Torna su
TrentoToday è in caricamento