Scivola e muore sulla Marmolada, escursionista veneziana trovata senza vita

Doveva raggiungre il rifugio Failer dove l'attendeva un amico ma purtroppo non è mai arrivata. A tradire la 47enne veneziana è stata la neve fresca caduta la notte precedente

E' stata trovata senza vita nella notte di lunedì Chiara Locchi, 47enne di Zellarino, provincia di Venezia, in vacanza sulle Dolomiti. Il corpo senza vita della  donna è stato ritrovato dopo due giorni di ricerche nella zona di passo Ombrettola, a quota 2570  metri. Stava facendo un'escursione di più giorni in solitaria, era diretta al rifugio Falier che si trova alla base della parete sud della Marmolada, dove l'attendeva un amico, ma dove non è mai arrivata. A dare l'allarme sono stati i gestori del rifugio.

Sulle sue tracce si sono messi gli uomini del CNSAS del Trentino Orientale e dellle Dolomiti Bellunesi. Grazie alla localizzazione delle celle telefoniche si è capito che l'escursionista era partita da Alba di Canazei ed era passata dal rifugio Contrin salendo quindi al passo dal versante trentino. In un punto particolarmente ripido probabilmente è scivolata a causa della neve fresca, facendo un volo sulle rocce sottostanti di circa 30 metri che non le ha lasciato scampo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

  • "Addio Betta, un esempio per tutti noi": soccorritrice stroncata dalla malattia

Torna su
TrentoToday è in caricamento