Attiva la Centrale unica d'emergenza, presto il numero unico 112

Attivata la nuova Centrale Unica, entro pochi mesi sarà attivo anche il numero unico, ma i cittadini continueranno a comporre 113, 118 e 115

Una centrale unica per gestire, da Trento, tutti  gli interventi d'emergenza sul territorio, assegnando mezzi e priorità in base all'effettiva urgenza, monitorando in tempo reale la posizione di ambulanze, mezzi dei Vigili del Fuoco e del Nucleo Elicotteri, in contatto con le forze dell'ordine.

La nuova centrale, frutto della collaborazione tra Apss, Trentino Network e le aziende di informatica IBT Europe e Beta 80, è operativa da oggi. Preziosa anche la collaborazione del Centro di Ricerca Eledia dell'Università di Trento  e di C.O.Ri.S.T.A dell'Università di Napoli, che ha permesso di integrare nel sistema tutta la cartografia della Provincia, in particolar modo per quanto riguarda sentieri e piste da sci. Nei prossimi mesi dovrebbe inoltre entrare in vigore un numero unico, il 112, verso il quale verranno indirizzate tutte le chiamate d'emergenza, anche se i cittadini pottrano continuare a comporreil 118, 113 e 115.

“Stiamo anche lavorando ad un nuovo Numero Verde, da integrare a sua volta nel progetto del Numero Unico, che dovrebbe anticipare il nuovo numero nazionale, il 116117 che consentirà al cittadino di contattare la guardia medica a lui più vicina nel minor tempo possibile” ha anticipato il direttore dell'Azienda Sanitaria Paolo Bordon. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabinieri di Trento, sequestrate 50mila confezioni di cosmetici all'arnica per mezzo milione di euro

  • Paura per un grave incidente a Mattarello: pedone travolto mentre attraversa sulle strisce

  • Autovelox sulle strade trentine, ecco dove saranno a gennaio

  • Incidenti, si schianta con l'auto contro un muretto: morta mamma di quattro figli

  • San Giovanni di Fassa, guida ubriaco l'auto di un altro: patente sospesa per due anni

  • A 176 all'ora in galleria: beccato con il telelaser

Torna su
TrentoToday è in caricamento