Striscioni di protesta sulla Valsugana: "No alla biomassa a Novaledo"

"No biomassa a Novaledo": è chiaro il messaggio scritto su delle lenzuola che hanno fatto la loro comparsa questa mattina su alcuni cavalcavia della statale 47 della vVlsugana, da Borgo a Pergine. Gli ignoti che li hanno appesi hanno voluto manifestare la propria contrarietà all'impianto di combustione a biomassa, la cui realizzazione è prevista entro il 2016. L'impianto servirà ad alimentare il locale stabilimento della ditta Menz&Gasser, che ha creato la società Novaledo Energia per la gestione della centrale a biomassa.

Si prevede che l'impianto possa arrivare a bruciare 18mila tonnellate all'anno di materia organica, il 70% circa costituito da cippati ed altri prodotti di scarto della vicina segheria, ed il restante 30% costituito da Herbal Corps, un particolare tipo di pianta, brevettato, specifico per questo tipo di impianti. la paura dei residenti è che l'arrivo di questo impianto, attivo praticamente tutti i giorni dell'anno, possa peggiorare di molto la qualità dell'aria già messa a rischio dalla presenza della statale e delle vicine acciaierie di Borgo. lenzuola_02-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Coronavirus: chiuse scuole, asili e Università

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

Torna su
TrentoToday è in caricamento