Striscioni di protesta sulla Valsugana: "No alla biomassa a Novaledo"

"No biomassa a Novaledo": è chiaro il messaggio scritto su delle lenzuola che hanno fatto la loro comparsa questa mattina su alcuni cavalcavia della statale 47 della vVlsugana, da Borgo a Pergine. Gli ignoti che li hanno appesi hanno voluto manifestare la propria contrarietà all'impianto di combustione a biomassa, la cui realizzazione è prevista entro il 2016. L'impianto servirà ad alimentare il locale stabilimento della ditta Menz&Gasser, che ha creato la società Novaledo Energia per la gestione della centrale a biomassa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si prevede che l'impianto possa arrivare a bruciare 18mila tonnellate all'anno di materia organica, il 70% circa costituito da cippati ed altri prodotti di scarto della vicina segheria, ed il restante 30% costituito da Herbal Corps, un particolare tipo di pianta, brevettato, specifico per questo tipo di impianti. la paura dei residenti è che l'arrivo di questo impianto, attivo praticamente tutti i giorni dell'anno, possa peggiorare di molto la qualità dell'aria già messa a rischio dalla presenza della statale e delle vicine acciaierie di Borgo. lenzuola_02-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Aquila uccisa nel suo nido, muoiono anche i piccoli: chiesta un'indagine

Torna su
TrentoToday è in caricamento