Neve ghiacciata: due interventi dell'elicottero sui monti del Carega

Due interventi con dinamica simile. Tre feriti, di cui uno molto grave

Doppio intervento per gli uomini del Soccorso Alpino nel weekend sul Gruppo del Carega. Verso il mezzogiorno di domenica 1 dicembre è scattato l'allarme per due escursionisti che stavano percorrendo il sentiero della Val di Penez, a quota 1.600 metri. Entrambi sono scivolati in un canalone di neve ghiacciata per un centinaio di metri. Sono stati verricellati a bordo dell'elicottero e trasferiti all'ospedale di Rovereto, non in pericolo di vita.

Praticamente in contemporanea il secondo intervento, questa volta nei pressi di cima Monte Zevola. In questo caso l'escursionista vittima dell'incidente era dotato di ramponi, ma è ugualmente scivolato sul manto nevoso ghiacciato. A dare l'allarme è stato il gestore del rifugio Paso Pertica. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'elicottero ha sbarcato sul posto l'equipe medica ed i tecnici del Soccorso Alpino. Le codizioni del ferito sono parse subito gravi. L'uomo è stato intubato sul posto e caricato a bordo del velivolo per il trasferimento all'ospedale di Trento, dove si trova ricoverato in gravi condizioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Limiti di velocità solo per le moto sulle strade di montagna

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento