Pozza di Fassa: carabinieri salvano una turista in crisi epilettica

Provvidenziale l'intervento di una pattugli, che si trovava a passare di lì per caso: i carabinieri si sono trasformati in soccorritori

Provvidenziale l'intervento di due carabinieri, trasformatisi in soccorritori ieri pomeriggio a Pozza di Fassa. Una coppia di turisti in vacanza stava passeggiando lungo le vie del paese quando la donna si è accasciata a terra in preda ad un attacco epilettico. Solo il caso ha voluto che una pattuglia dei carabinieri passasse di lì in quel momento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La situazione si stava facendo sempre più disperata poichè, come avviene in questi casi, la donna non riusciva a respirare avendo le vie aeree ostruite dalla lingua, rivolta all'indietro. I militari, abilitati al primo soccorso, con freddezza, ma anche competenza, sono riusciti ad eseguire la manovra adatta in questi casi: aprire la bocca della persona in preda alle convulsiioni e bloccare la lingua con un tampone in modo da permettere nuovamente la respirazione. Una volta accertatisi che la  donna potesse nuovamente respirare i due carabinnieri hanno chiamato l'ambulanza. La donna ora sta bene e potrà proseguire la vacanza insieme al marito. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

  • Terribile schianto sulla tangenziale di Lavis: due feriti gravi

Torna su
TrentoToday è in caricamento