Capitale della Cultura 2018: sarà Palermo, Trento rimane a bocca asciutta

Il verdetto annunciato dal Ministro Franceschini, il capoluogo siciliano sarà la Capitale della Cultura 2018. Andreatta: "Utilizzeremo comunque il marchio ed il patrimonio di visibilità e relazioni costruito in questi mesi"

Palermo sarà la Capitale della Cultura 2018. La scelta finale della commissione è stata resa nota poco fa, ed ha lasciato l'amaro in bocca a Trento, candidata ed annoverata tra le 10 finaliste. 

"Trento non ha nessuna intenzione di dissipare il patrimonio di visibilità e soprattutto di relazioni e sinergie attivate nel percorso della candidatura" si legge in una nota del Comune pubblicata pochi minuti dopo l'annuncio da parte del Ministro Franceschini. Il marchio #Trento18 resterà in uso per denotare tutte le attività del  2018, centenario della fine della Prima Guerra Mondiale.

“Abbiamo partecipato per vincere – ha commentato il sindaco Alessandro Andreatta dopo il verdetto – E devo dire che Trento, in qualche modo, ha vinto comunque. Abbiamo attivato rapporti, collaborazioni, canali di comunicazione che non vogliamo interrompere. La candidatura ci ha lasciato, oltre a un programma ben delineato, anche un metodo di lavoro basato sulla condivisione che ci accompagnerà nei prossimi anni". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • "Aiuto, c'è una donna con lenzuolo bianco sulla statale": chiamano il 112 per la Samara challange

  • Il supermercato più conveniente di Trento? Ecco il "calcolatore" online di Altroconsumo

  • Incendio in casa: morta una mamma, grave il suo bambino

  • Tornano all'auto parcheggiata in via Grazioli e ci trovano dentro il ladro

  • Incidente a Ledro, motociclista perde il controllo e si schianta: portato via in elicottero

Torna su
TrentoToday è in caricamento