Cannabis per uso medico, l'Azienda sanitaria rimborserà i farmacisti

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari è stata autorizzata a rimborsare ai farmacisti il prezzo di acquisto della cannabis, per un importo superiore a quello stabilito dal Ministero

In provincia di Trento sono 52 i pazienti a cui è garantita la fornitura di preparazioni a base di cannabis per uso medico. Un numero che potrebbe aumentare, ampliando la concedibilità a titolo gratuito delle preparazioni. Uno scenario che emerge dalla risposta che l'assessore provinciale alla Salute, Luca Zeni, ha dato ad una interrogazione del consigliere Maurizio Fugatti (Lega Nord), il quale aveva sollecitato la Giunta ad intervenire sul prezzo di vendita al pubblico fissato per la cosiddetta cannabis terapeutica, stabilito dal Ministero della Salute con il Decreto pubblicato lo scorso 3 giugno. Una situazione che penalizzava i farmacisti, oltre che i pazienti, perché il prezzo della cannabis alla vendita è inferiore a quello richiesto dai distributori per la sostanza. Il costo della cannabis sul mercato si aggira sugli 11 euro al grammo, al quale va aggiunto il costo del lavoro di preparazione, mentre il costo fissato dal Ministero è di 9 euro al grammo. 

Zeni rassicura precisando che l'Azienda provinciale per i servizi sanitari è stata autorizzata a rimborsare ai farmacisti il prezzo di acquisto della cannabis, per un importo superiore a quello stabilito dal Ministero, comprensivo di onorario professionale e diritto addzionale per gli stupefacenti. Non solo: a seguito dell'incontro, svoltosi ai primi di luglio, con il presidente dell'Ordine dei farmacisti e al via libera del Ministero della salute in accordo con le organizzazioni sindacali dei farmacisti, sarà istituito un Tavolo tecnico per aggiornare gli importi delle varie componenti della tariffa nazionale per tutelare i pazienti a cui sono prescrittte preparazioni di cannabis ad uso medico e per venire incontro alle esigenze dei farmacisti.

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento