Cade in bici senza casco, muore dopo il ricovero in rianimazione al S. Chiara

Non ce l'ha fatta il trentenne caduto sulla ciclabile della Val Rendena

Non ce l'ha fatta Ariel Hechavarria Mendoza, il trentenne di origini cubane residente a Massimeno, ritrovato privo di sensi e ferito a bordo della ciclabile della Val Rendena nel pomeriggio di domenica 14 giugno. A notare la bicicletta a terra era stato un altro ciclista, che ha immediatamente chiamato i soccorsi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il trentenne, gravemente ferito dopo la caduta dalla bici senza casco, era stato trasportato d'urgenza all'ospedale S. Chiara di Trento, in elicottero. E' deceduto dopo 24 ore in rianimazione a causa delle ferite riportate alla testa. Ariel Hechavarria Mendoza viveva a Massimeno, dalla scorsa stagione invernale lavorava presso il Cerana Relax Hotel di Madonna di Campiglio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • Frode fiscale da due milioni nelle importazioni di auto usate: sequestri anche a Trento

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

  • Casting a Trento per un nuovo film: si cercano comparse esili o dal 'volto antico'

  • Il pusher scappa, poliziotto ferma un'auto e si fa "accompagnare" ad acciuffarlo

Torna su
TrentoToday è in caricamento