Curva pericolosa sulla linea 4, autobus contromano e rischio incidenti

Lo afferma Uil trasporti, Franco Cerbaro: per ovviare al problema il Comune ha installato un semaforo veicolare, ma è lampeggiante da due mesi. "Il problema è presente in entrambe le direzioni, ma soprattutto in quella Gardolo-Roncafort"

Il tratto di strada in cui l'autobus

In seguito alla riorganizzazione del servizio pubblico urbano a Trento la nuova linea 4 che collega Madonna Bianca a Gardolo si trova ad affrontare una particolare curva - in prossimità dell'incrocio tra via Aereoporto e via Soprassasso, vicino al cimitero di Gardolo - pressoché in contromano. Lo afferma in una nota Franco Cerbaro, segretario della Uiltrasporti di Trento. Per ovviare a questo problema il comune ha installato in quel tratto di strada un semaforo veicolare che dovrebbe permettere al mezzo pubblico di poter affrontare la curva in tutta sicurezza venendo attivato dallo stesso autista quando si trova nelle immediate vicinanze. Già da due mesi, però, non è possibile utilizzarlo essendo questo ancora in fase di lampeggio. "Una situazione che nasce da una diatriba tra l'amministrazione comunale e Trentino Trasporti Infrastrutture (la società che gestisce la linea ferroviaria Trento-Malè-Marilleva per la quale, proprio in quel punto, c’è un passaggio a livello). Non conosciamo le precise ragioni del contendere, ma quel che è certo è che in caso di incidente la colpa ricadrà come sempre sull’autista perché – il codice della strada è molto chiaro in merito - chi guida in contromano è sempre responsabile degli eventuali danni che arreca", afferma Cerbaro. Nell'affrontare la curva in questione, infatti, è inevitabile che - trattandosi di un mezzo lungo dodici metri - l'autobus invada l’altra corsia per evitare di toccare il muro del cimitero o di salire pericolosamente sul marciapiede con conseguente rischio di collisione con veicoli e pedoni. "Il problema è presente in entrambe le direzioni, ma soprattutto in quella Gardolo-Roncafort, e una soluzione va trovata con estrema celerità in quanto, lo ribadiamo, le conseguenze di un eventuale sinistro saranno pagate in primis dall’autista che rischia molto, dalla sospensione della patente alla perdita del posto di lavoro. Si attivi subito questo semaforo, ne va della sicurezza degli autisti, dei passeggeri, degli automobilisti e di tutti i cittadini. Finora, grazie al cielo, non è successo niente, ma non si può continuare ad affidarsi, come sostanzialmente è stato fatto finora, unicamente alle anime buone dell’adiacente camposanto, serve una laica azione concreta", conclude il segretario della Uiltrasporti.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due pastori del Caucaso "terrorizzano" Oltrecastello: passante morso al braccio

  • Paura vicino ai mercatini di Natale, ragazzo accoltellato alla pancia: è grave

  • Bancomat fatto esplodere nella notte: spariti 40mila euro e gravi danni al palazzo

  • Incidente a Segonzano: ferito 12enne. I vigili del fuoco: "Decima volta in quel punto"

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

  • Diciottenne blocca il bus e prende il vetro a testate, poi aggredisce autista ed agenti

Torna su
TrentoToday è in caricamento