Dal prossimo anno accademico più borse di studio per l'università di Trento

Aumenta il numero degli studenti che possono averne diritto. La Giunta provinciale ha infatti condiviso con Università degli Studi di Trento e Opera Universitaria l’innalzamento della soglia di condizione economica per accedere alle borse

Dal prossimo anno accademico 2018/2019 ci saranno più borse di studio per la frequenza dell’università, perché aumenta il numero degli studenti che possono averne diritto. La Giunta provinciale ha infatti condiviso con Università degli Studi di Trento e Opera Universitaria l’innalzamento della soglia di condizione economica per accedere alle borse di studio al limite massimo previsto dai livelli essenziali delle prestazioni (LEP) 23.000 Isee. A questa opportunità si aggiunge la misura pensata per le famiglie trentine che si trovano sopra questa soglia, per favorire e incentivare la prosecuzioni degli studi dei giovani trentini dopo il diploma superiore. Se la famiglia risparmia una cifra (tra i 3.000 e i 6.000 euro) negli anni delle scuole superiori, quando lo studente si iscriverà all’università, sia in Trentino che altrove in Italia o all’estero, potrà avere un aiuto pubblico provinciale fino al doppio di quanto risparmiato. Tale contributo riguarderà da oggi i nuclei famigliari che hanno una condizione economica compresa tra 23.000 e 32.000 Isee. L’ampliamento di tale forchetta e l’innalzamento del tetto massimo dal 29.000 dello scorso anno a 32.000 di oggi è stato deciso in conseguenza proprio dell’aumento delle borse di studio. 

Gli studenti immatricolati ed iscritti ad un percorso di studi presso l'’Università degli studi di Trento o gli altri Istituti di grado universitario del territorio provinciale per l'anno accademico 2018/2019 avranno la possibilità di chiedere ad Opera Universitaria di Trento la borsa per il diritto allo studio universitario se in possesso di un ISEE (Indicatore della Situazione economica Equivalente) compreso tra 0 e 23.000 euro ed un ISPE (Indicatore della Situazione Patrimoniale Equivalente) fino a 50.000 euro. Rispetto allo scorso anno la soglia di accesso alle borse è stata spostata da 21.500 a 23.000 euro dando così la possibilità ad un maggior numero di studenti di poter accedere ai servizi del diritto allo studio universitario. Non è stata invece ritoccata la soglia dell'ISPE che rimane fissata a 50.000 euro.

La Provincia ha aggiornato di conseguenza il valore minimo dell’intervallo ISEE per l’accesso al “Contributo per piano di accumulo”, intervento attivo dall’anno accademico 2017/2018 quale sostegno economico rivolto alle famiglie trentine per il finanziamento degli studi post diploma dei propri figli, spostando il valore da 21.501 a 23.001 euro. Inoltre, è stata innalzata anche la soglia massima dell’intervallo ISEE da 29.000 a 32.000 euro, in quanto la modifica dei valori ISEE sopra delineati comporta una riduzione dei potenziali beneficiari del “Contributo per piano di accumulo” e, a parità di spesa complessiva, è pertanto possibile aumentare il valore massimo dell’intervallo ISEE. In sintesi, lo studente può accedere al “Contributo per piano di accumulo” a condizione che abbia iniziato/effettuato l’accumulo di capitale entro il 31 agosto di ciascun anno scolastico e possieda un indicatore ISEE maggiore di 23.000 e fino a 32.000 euro. Il diritto all'erogazione delle tre rate del contributo viene mantenuto solo se lo studente raggiunge i livelli di merito determinati con i bandi annuali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Poliziotto trascinato da una moto in fuga sulla statale per 500 metri: in prognosi riservata

  • Camion perde il carico sulla "Maza": traffico in tilt tra la Busa ed il Garda

Torna su
TrentoToday è in caricamento