Ordigno bellico portato alla luce dagli scavi: due operai contaminati dall'acido

A Pieve di Bono è tornato alla luce un ordigno bellico inesploso, probabilmente della seconda guerra mondiale. L'acido picrico contenuto ha contaminato due operai, ancora sotto sorveglianza del medico esperto

Attimi di paura questa mattina in un cantiere a Pieve di Bono: poco prima di mezzogiorno gli operai addetti agli scavi hanno portato alla luce un ordigno bellico della seconda guerra mondiale. Il braccio dell'escavatore ha urtato l'ordigno facendo temere l'esplosione: in realtà l'urto ha provocato la fuoriuscita del contenuto, verosimilmente acido picrico. Fatto altrettanto pericoloso per almeno due degli operai che sono venuti in contatto con la sostanza.

Sul posto è stato quindi inviato d'urgenza in elicottero il medico competente dell'ospedale S. Chiara che ha provveduto alla decontaminazione dei due, poi trasportati al pronto soccorso di Tione per ulteriori analisi. L'ordigno è stato invece coperto e la zona bonificata dagli artificieri del Genio Guastatori dell'Esercito e verrà fatto brillare nei prossimi giorni. 

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

  • "Cavalli pelle e ossa, con gli zoccoli spezzati": la denuncia di Oipa Trentino

I più letti della settimana

  • Nuvole da fantascienza nei cieli di Trento: ecco di cosa si tratta

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Schianto contro un camion sul rettilineo: muore motociclista

Torna su
TrentoToday è in caricamento