Pollini: alta concentrazione di graminacee in Trentino

Resta alta la concentrazione di polini di graminacee nell'aria, mentre altri tipi di polline sono in calo. I dati vengono pubblicati sul bollettino della Fondazione Mach, che si può anche ascoltare al telefono o ricevere via sms

Resta alta la concentrazione delle graminacee, tipologia di pollini maggiormente responsabile di allergie: il livello è stazionario mentre sono in calo i pollini di Betulla e di Carpino nero, altre due specie arboree che causano non pochi fastidi in questo periodo a chi soffre di allergie. In Trentino sono presenti nell'aria, in bassa concentrazione, anche pollini di quercia, pinee, moracee, sambuco, salice, noce, cupressacee, romice e ciperacee, in media concentrazione quelli dell'alternaria. Il bollettino pollini è quotidianamente stilato dalla Fondazione Edmund Mach di San Michele all'Adige che analizza la concentrazione nell'aria attraverso alcune stazioni di rilevamento. In questo periodo pubblicheremo su Trentotoday i vari bollettini, che sono anche disponibili presso tutte le farmacie convenzionate. Il bollettino pollini si può anche ricevere via SMS inviando qpol al numero 335-1019034 e si può ascoltare chimando il numero 0461-238939

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento