Neve e freddo: bloccati da tre giorni al bivacco delle Pale di San Martino

All'alba del terzo giorno i due alpinisti hanno chiamato il 112: in quota neve e temperature prossime allo zero

E' arrivata da due alpinisti croati bloccati al bivacco sulla cima della Pala di San Martino la chiamata al Numero Unico per le Emergenze 112 verso le 7.15 di sabato 7 settembre, che ha messo in moto la macchina dei soccorsi sulle celebri cime dolomitiche. I due uomini, di 42 e 47 anni, avevano concluso l’ascensione al Gran Pilastro e alla Pala di San Martino nella giornata di giovedì 5 settembre e avevano deciso di trascorrere la notte nel bivacco a causa del maltempo. Visto il prorogarsi del cattivo tempo sono rimasti nel bivacco anche il giorno e la notte successiva finchp all'alba del terzo giorno hanno deciso di chiedere supporto nella discesa poiché sul percorso di rientro c’era neve e le previsioni del tempo non miglioravano.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino orientale del Soccorso Alpino ha chiesto l’intervento di una squadra di operatori della Stazione di San Martino di Castrozza del Soccorso Alpino. I soccorritori si sono portati in quota, verso il percorso di rientro. Sul posto c’era neve, le temperature erano basse e le previsioni meteo in peggioramento, spiegano i soccorritori. Valutate le difficili situazioni ambientalui si è deciso di far intervenire l’elicottero. I due alpinisti sono stati quindi raggiunti al bivacco, imbarcati a bordo ed elitrasportati a San Martino di Castrozza. Fortunatamente non c’è stato bisogno del ricovero in ospedale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bancomat fatto esplodere nella notte: spariti 40mila euro e gravi danni al palazzo

  • Le sardine riempiono piazza Duomo a Trento

  • "Dammi i soldi o ti ammazzo": preso il rapinatore e la moglie complice

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

  • Diciottenne blocca il bus e prende il vetro a testate, poi aggredisce autista ed agenti

  • Lupi sulla Marzola, i forestali confermano

Torna su
TrentoToday è in caricamento