Bloccati dalla neve sull'Adamello, passano la notte sotto a un masso

Sei escursionisti riportati a valle illesi, dopo una notte a -15° sul Mandrone

Soccorso Alpino Lombardia in azione

Notte in quota a -15° per una comitiva di escursionisti bloccati sull'Adamello. I sei alpinisti, dopo aver passato la notte tra sabato 2 e domenica 3 novembre al bivacco Ugolini, avevano intenzione di affrontare, nonostante il maltempo che ha portato neve in quota, il ghiacciaio del Pian di Neve e scendere al passo del Tonale, sul versante trentino della montagna.

Hanno dormito sotto ad un sasso, recuperati all'alba

Non sono mai arrivati a destinazione: sono stati pesantemente rallentati dalle condizioni meteorologiche pessime, ed il buio li ha sorpresi ancora in quota. L'ultimo messaggio da parte loro era arrivato verso il mezzogiorno di domenica ad un amico che, non vedendoli tornare, ha chamato i soccorsi.

Bloccati in una grotta: 12 ore per liberarli

Il Soccorso Alpino di Brescia ed il Sagf della Guardia di Finanza hanno valutato la situazione decidendo di far scattare l'intervento al sorgere del sole, nelle prime ore di lunedì 4 novembre. La Centrale ha inviato l’elicottero da Brescia, con a bordo il tecnico di elisoccorso del Cnsas. I soccorritori li hanno individuati sopra il ghiacciaio del Mandrone. I sei avevano trovato riparo sotto un grosso sasso, dove hanno trascorso la notte. Sono stati riportati a valle, illesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le previsioni del tempo - scrive il Soccorso Alpino e Speleologico della Lombardia - sono sempre da valutare quando si va in montagna, se si vuole tornare a casa sani e salvi. Il buio, il vento, la neve sul terreno e il freddo cambiano completamente le condizioni e quindi il grado di rischio. È fondamentale fare sempre appello al buonsenso e alla coscienza per non mettere a rischio la propria vita e anche quella dei soccorritori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Viveva in Trentino e aveva circa 20 anni il ragazzo trovato morto su un treno

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • Trovato il corpo senza vita di un giovane sopra al treno proviente da Trento

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

  • Il pusher scappa, poliziotto ferma un'auto e si fa "accompagnare" ad acciuffarlo

Torna su
TrentoToday è in caricamento