Centrale a biomasse a Novaledo, il M5S interroga

Nel 2013 Rossi firmò un accordo sulla qualità dell'aria, salvo autorizzare cinque mesi dopo la costruzione della centrale a biomasse di Novaledo. E' l'accusa mossa dal consigliere del Movimento Cinque Stelle Filippo Degasperi in un'interrogazione

La centrale a Biomasse, di futura realizzazione a Novaledo, già oggetto di proteste e battaglie legali da parte dei residenti finisce ora in un'interrogazione consiliare. A chiedere conto della linea di condotta della Provincia riguardo alla qualità dell'aria è il consigliere cinque stelle Filippo Degasperi che ricorda come nel dicembre 2013 il presidente Rossi sottoscrisse un accordo con lo Stato e le regioni confinanti per il miglioramento della qualità dell'aria nel bacino padano. Cinque mesi dopo arriva l'autorizzazione per costruire una centrale a Biomassa nel piccolo paese valsuganotto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cè di più: "nel 2005, il predecessore di Rossi, Dellai, rispondendo ad alcune interrogazioni metteva nero su bianco che l'impianto a biomasse che si intendeva realizzare nel Comune di Enego, in provincia di Vicenza poteva costituire "una sorgente molto impattante per inquinanti quali ossido di azoto, monossido di carbonio e anche polveri sottili PM10 sia primarie che secondarie, nonostante la presenza di abbattimento e tecnologie che limiteranno le emissioni inquinanti" - ricorda il consigliere Degasperi -. Insomma, nel 2005 se le centrali a biomassa le volevano fare altri e allora erano brutte sporche e cattive. Nel 2014 le vogliamo realizzare noi e allora vanno benissimo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Aquila uccisa nel suo nido, muoiono anche i piccoli: chiesta un'indagine

Torna su
TrentoToday è in caricamento