Biomasse a Novaledo, i comitati per l'ambiente tornano a lanciare l'allarme

Il nuovo impianto a biomassa, che servirà per supportare l'ampliamento della Menz & Gasser a partire dal 2016 preoccupa ValsuganAttiva e il Gruppo di Salute Pubblica di Novaledo. Le polveri sottili, denunciano i comitati, rischiano di essere dannosissime per la salute dell'intera valle

La Menz&Gasser, industria che produce confetture e semilavorati di frutta, ha presentato un progetto di ampliamento dello stabilimento di Novaledo. L’azienda, che conta oggi più di 300 dipendenti (200 dei quali a Novaledo) prevede di passare dagli attuali 15.000 a quasi 30.000 metri quadrati coperti. L’investimento previsto è di circa 35 milioni di euro e dovrebbe permetterà l’assunzione di 10-15 persone. I cittadini di Novaledo e della Valsugana guardano con preoccupazione all’ampliamento della Menz&Gasser sotto il profilo ambientale e della tutela della salute. Oggi il Comitato Salute Pubblica Novaledo ha organizzato una conferenza stampa per spiegare i rischi a cui va incontro il territorio, chiamato ancora una volta ad una battaglia per l'ambiente, dopo la chiusura dell'impianto di compostaggio di campiello e della cava Monte Zaccon.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Azienda trentina brevetta una macchina che produce 70.000 mascherine al giorno

  • Video "hard" durante la lezione online delle elementari

Torna su
TrentoToday è in caricamento