Confesercenti porta la Befana negli ospedali e chiede un piccolo aiuto

Un'iniziativa di Faib-Confesercenti per portare doni ai bambini e alle bambine ricoverati negli ospedali di Trento e Rovereto e a Casa Serena a Cognola. Una tradizione che prosegue dal 1994 e che vive anche grazie al contributo,piccolo o grande, di molti

Anche quest'anno, il 6 gennaio, i bambini ricoverati nei reparti di pediatria degli ospedali di Trento, Rovereto e nella struttura di Casa Serena a Cognola di Trento, riceveranno la visita della “simpatica vecchina” che consegnerà loro dolci e regali.

“Siamo giunti al 20° anno di questo importante appuntamento che ci vede impegnati a portare un po' di gioia e di sostegno a tutti i piccoli ricoverati – dice il presidente di Faib-Confesercenti Federico Corsi - come nelle precedenti occasioni si tratterà di una visita da parte di una nostra delegazione, accompagnata dalla consegna di doni ai bambini”.

Un'iniziativa che coinvolge tutti i gestori della provincia di Trento, ideata nel lontano 1994 dal coordinatore provinciale di Faib Carlo Pallanch, che vuole dare un segnale forte di solidarietà e di aiuto a favore di chi soffre. “Per questo – sottolinea Pallanch  - chiediamo a chiunque voglia partecipare un piccolo o grande contributo”.

Il contributo può essere versato in uno dei seguenti modi:
- in contanti presso gli uffici di Faib Confesercenti di via Maccani 207;
 - tramite bonifico bancario a favore di:
Confesercenti del Trentino
c/o CASSA RURALE ALDENO E CADINE - agenzia nr. 1 – Trento Via Verdi
estremi c/c IBAN: IT76 U 08013 01802 000050352813
causale: BEFANA DEL GESTORE 2014

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Volotea: due nuove destinazioni dall'Aeroporto Catullo

  • Torna l'obbligo di pneumatici invernali

  • Tornano le domeniche gratis nei musei e nei castelli

  • Cosa fare nel weekend: tutti gli eventi

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

  • Infortunio sul lavoro a Grigno, precipita per cinque metri e si schianta al suolo: grave

Torna su
TrentoToday è in caricamento