Barista investita a Lavis dopo il lavoro: sospetti verso un 50enne

I carabinieri del Comando Provinciale di Trento e quelli della Stazione di Lavis stanno valutando l'eventuale coinvolgimento di un uomo di circa 50 anni, con cui la giovane avrebbe avuto un'accesa discussione all'interno del locale nata per futili motivi

Alle 03.10 circa del 11 novembre, all'uscita dal Bar Corona di Lavis, una 20enne trentina che lavora come barista nel locale, è rimasta vittima di un incidente che le ha comportato il ricovero con 40 giorni di prognosi in ospedale per delle microfratture ad una gamba. La giovane secondo le indagini svolte dai carabinieri, sarebbe stata investita, forse non troppo involontariamente, da un'automobilista che non le ha prestato poi soccorso.

I carabinieri del Comando Provinciale di Trento e quelli della Stazione di Lavis stanno valutando l'eventuale coinvolgimento di un uomo di circa 50 anni, con cui la giovane avrebbe avuto un'accesa discussione all'interno del locale nata per futili motivi. Determinanti, spiegano i carabinieri, risulteranno le testimonianza che verranno rese dai giovani che stavano trascorrendo la serata in compagnia della ragazza, così come le immagini fornite dalle telecamere presenti nelle immediate vicinanze del locale.

Potrebbe interessarti

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Moto, controlli della Polizia Locale: sorpreso in paese a 100 km/h

  • Mandrea Festival: i carabinieri controllano anche la Cannabis Light

I più letti della settimana

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento