Bare e cadaveri abbandonati in un capannone in Valsugana: indagano i carabinieri

Circa trenta bare, smontate, ma anche resti umani, ritrovati in un capannone abbandonato

Ecco quello che hanno trovato i militari del Noe

Ha dell'incredibile la scoperta dei Carabinieri del Noe, il Nucleo operativo ecologico, fatta a Scurelle in Valsugana: una trentina di bare e dei corpi senza vita all'interno di un capannone industriale. A scoprire il tutto, in realtà, sono stati gli agenti della Polizia Locale, che hanno chiamato i militari del Nucleo ecologico dopo aver visto uno strano movimento attorno all'edificio, ora posto sotto sequestro.

La cooperativa smontava le bare per rivendere i metalli, clicca qui...

In seguito al macabro ritrovamento la Procura di Trento ha aperto un fascicolo. L'ipotesi di reato è di vilipendio di cadavere. Resta da ricostruire, e non sarà facile, il movente: secondo una prima ipotesi i responsabili avrebbero trafugato le bare da qualche cimitero, per poi smontarle all'interno del capannone, lontano da occhi indiscreti e rubare così lo zinco e l'ottone utilizzati per le finiture.

Una seconda ipotesi al vaglio degli inquirenti è quella di una macabra truffa: le bare, con i loro occupanti, potrebbero essere state occultate all'interno del capannone da imprese addette alla cremazione, anzichè portate in un impianto crematorio, per poi incassare comunque il dovuto per il servizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coranavirus, supermercati presi d'assalto anche in Trentino

  • Un caso di Coronavirus in Alto Adige

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • Nuovo caso di coronavirus in Trentino: è una donna del Lodigiano in vacanza a Folgarida

  • Coronavirus: chiuse scuole, asili e Università

Torna su
TrentoToday è in caricamento