Azzardo, giocata massima in base al reddito. Passa la proposta in Consiglio regionale

Grazie alla tessera sanitaria si potrebbe introdurre un tetto massimo di spesa per ogni giocatore, fino ad escluderlo dal gioco. La proposta ha convinto il Consiglio regionale

Un tetto massimo alle giocate, in base al reddito, e la possibilità di impedire a giocatori "patologici" di poter spendere altro denaro con slot machine e videolottery. E' questo l'obiettivo della proposta presentata dai consiglieri Urzì, Borga, Giovanazzi, Fasanelli e Civettini ed approvata oggi dal Consiglio regionale con 43 voti favorevoli e 5 astenuti. Controllare la quantità di denaro disponibile, ed eventualmente escludere alcuni cittadino dalla possibilità di giocare potrebbe essere possibile tramite la tessera sanitaria, che diventerebbe così il documento necessario per poter accedere ai dispositivi di gioco, presenti oggi praticamente ovunque.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una limitazione ai diritti individuali? Fu così anche per le leggi che imposero la cintura di sicurezza o il casco in moto, ha ricordato qualcuno. Il fatto è che la cura di comportamenti patologici derivanti dal gioco d'azzardo ha un costo per il sistema sanitario pubblico, e sembra evidente come la prevenzione non possa più essere fatta solamente con le campagne di sensibilizzazione. “Nella conferenza Stato-Regioni viene trattata una iniziativa promossa dal Governo che chiede iniziative e a noi è consentito di promuovere iniziative oltre a quelle dello stesso Stato” ha spiegato il presidente della Regione Arno Kompatscher. Resta da capire se l'ammissione al gioco con la tessera sanitaria, così come avviene per il fumo, sia tecnicamente e giuridicamente possibile. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento