In auto contro un traliccio: Comune condannato, mancava la protezione

La corte d’appello di Trento ha condannato il comune di Chiusa, in Alto Adige, al risarcimento di un automobilista rimasto gravemente ferito in un’uscita di strada causata dalla presenza di ghiaccio sulla carreggiata

AUTO NOTTE

La corte d’appello di Trento, sezione distaccata di Bolzano, ha condannato il comune di Chiusa, in Alto Adige, al risarcimento di un automobilista che il 2 gennaio del 2011 era rimasto gravemente ferito in un’uscita autonoma di strada causata dalla presenza di ghiaccio sulla carreggiata. Affidandosi a Giesse Risarcimento Danni, società specializzata nel risarcimento di incidenti stradali, un 41enne di Bressanone, è riuscito a vedere riconosciute le responsabilità del Comune di Chiusa, condannato per non aver adeguatamente protetto il tratto di carreggiata lungo la statale 141 che collega Chiusa a Funes.

Erano da poco passate le 13 quando dopo una leggera curva lungo quel tratto di strada il 41enne operario ha perso il controllo dell’Alfa Romeo 75 su cui viaggiava da solo. L’auto ha perso improvvisamente aderenza scivolando sopra alla sottile patina di ghiaccio che in quel tratto di strada, vicino al fiume, ricopriva l’asfalto. Fino allo scontro, molto violento, contro il traliccio della vicina linea ferroviaria poco oltre il margine della carreggiata. Soccorso dopo essere rimasto imprigionato nelle lamiere, il 41enne ha riportato un grave politrauma che gli ha causato conseguenze permanenti sia agli arti inferiori che superiori.

L’automobilista si è così rivolto alla sede Giesse di Bolzano chiedendo di verificare le responsabilità da parte del Comune, che soltanto dopo l’incidente si è attivato andando a predisporre delle barriere protettive tra il bordo della carreggiata e il traliccio. Malgrado un primo parere negativo da parte della sezione civile del tribunale di Bolzano, a favore dell’automobilista si è così espressa la Corte d’Appello, ravvisando come «il traliccio ferroviario posto a meno di un metro dalla strada sia un elemento accessorio oggettivamente pericoloso, con riferimento al quale è ravvisabile una responsabilità del Comune per non essersi preventivamente attivato al fine di predisporre delle barriere di protezione». Da qui la condanna, ritenendo colpevole il Comune nella misura del 50% poiché all’automobilista è stato contestato un eccesso di velocità da parte del consulente tecnico nominato dal giudice.

«Attendiamo ora gli esiti dell’istruttoria richiesta dal giudice per quantificare l’entità reale del danno e la sua ripartizione a favore anche dei familiari, che da quel giorno hanno dovuto occuparsi delle cure e del mantenimento del nostro assistito - spiega Maurizio Cibien, responsabile della sede Giesse di Bolzano - A causa del violento impatto contro il traliccio il nostro assistito ha infatti patito importanti lesioni personali come la frattura di tutti e due i femori, di una tibia, del setto nasale, la rotture di tre legamenti del ginocchio, del muscolo bicipite destro, nonché ulteriori ferite e traumi minori».
 

Potrebbe interessarti

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • Notte Bianca: rimozione forzata in tutto il centro, 28 locali allargano lo spazio esterno

  • Temporali estivi, il Soccorso Alpino: "Attenzione al brusco calo delle temperature"

I più letti della settimana

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • A22: camion contro auto della Polizia, agente estratto dalle lamiere

  • Cade nel torrente, lo ritrovano alla diga

  • Incidente, si schianta frontalmente con un camion e ci finisce sotto: morto motociclista

  • Incidente frontale, auto invade la corsia opposta e si schianta contro un camion: trentino ferito

  • Motociclista morto sulla strada del lago di Garda

Torna su
TrentoToday è in caricamento