Arresto cardiaco alla guida del camion, il Sindacato di Base: "Aveva guidato 16 ore su 24"

La vedova dell'autista, trovato morto a bordo del mezzo, si è rivolta al sindacato SBM, che annuncia ricorso

"Nei prossimi giorni redigeremo, tramite i nostri legali, un esposto da inviare alla Procura di Trento affinché si faccia piena luce sulla morte del camionista serbo alle dipendenze di Baldo Trasporti Spa avvenuta lo scorso 28 aprile a Mezzocorona e se ci sia un nesso di causalità fra l'eccessivo stress per le ore lavorate ed il suo decesso". Lo afferma in una nota il Sindacato di base multicategoriale del Trentino, a cui si è affidata la vedova dell'uomo di 59 anni trovato senza vita, probabilmente a causa di un attacco cardiaco, nel camion che guidava per lavoro. Verrà inoltre presentato un ricorso degli eredi dell'autista al giudice del lavoro del Tribunale di Rovereto, annuncia il sindacato. La famiglia spera in questo modo di ottenere la consegna della busta paga e la retribuzione che - specifica la nota sindacale - "sarebbe spettata al defunto per le prestazioni rese, stante il rifiuto dell'azienda di pagare il dovuto". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vedova chiede da mesi, sostiene il sindacato, "la busta paga del marito defunto e la retribuzione che allo stesso sarebbe spettata per il lavoro eseguito fino alla sua morte". La signora ha consegnato a Sbm la 'carta del conducente' del marito, dalla quale è emerso - si legge ancora nella nota - che, "pochi giorni prima di morire, l'autista aveva lavorato 16 ore su 24, con 15 ore e 42 minuti di sola guida, percorrendo 1.148 chilometri". Per la guida di mezzi pesanti, ricorda il sindacato, il Codice della strada prevede un periodo di guida giornaliero di 9 ore non consecutivo, ovvero dopo 4-5 ore di guida, sono necessari almeno 45 minuti di interruzione. Inoltre il riposo giornaliero regolare è pari ad 11 ore minime consecutive. "Nel caso del povero autista deceduto, la giornata lavorativa riprodotta nel grafico supera ogni limite legale (ed anche contrattuale) di lavoro e di guida nell’arco di una giornata solare", sostiene il sindacato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Viveva in Trentino e aveva circa 20 anni il ragazzo trovato morto su un treno

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • Allerta meteo in Trentino: in arrivo nubifragi e grandine

  • Trovato il corpo senza vita di un giovane sopra al treno proviente da Trento

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

Torna su
TrentoToday è in caricamento