Auronzo e Voltago votano per il passaggio dal Veneto al Trentino Alto Adige

Quattromila persone al voto per il referendum consultivo che chiede il distacco di Auronzo di Cadore dal Veneto e il suo passaggio al Trentino Alto Adige. A Voltago alle 12 aveva votato il 20.78 per cento,ad Auronzo l'11.72 per cento

Si vota fino alle 23 ad Auronzo di Cadore e a Voltago Agordino per il referendum consultivo indetto per chiedere il distacco dei due Comuni bellunesi dal Veneto e il passaggio al
Trentino Alto Adige. Sono circa quattromila gli aventi diritto al voto.   A Voltago alle 12 avevano votato in 202, pari al 20.78 per cento, su un complesso di elettori di 972. Molto meno i votanti
ad Auronzo, dove alle 12 sono andati alle urne in 365 pari all'11.72 per cento. Gli elettori di Auronzo sono 3114. I referendum per il distacco dei comuni bellunesi dalla provincia e aggregazione al Trentino Alto Adige, come per tutti i referendum di questo tipo, non chiedono soltanto il 50 per cento più uno degli elettori alle urne, ma soprattutto che ci sia il
50 per cento più uno di sì. Lo scrutinio inizierà subito dopo la chiusura dei seggi.
          
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento