Scuola, oltre 1300 docenti in assemblea contro tagli e precariato

Per quanto riguarda proprio gli insegnanti precari, la Cgil chiede che sia rivista la norma riguardante l'apertura della graduatoria permanente per titoli: "Per non creare insegnanti di serie A e serie B"

Oltre 1300 i docenti trentini che hanno partecipato questa mattina all'incontro promosso dai sindacati della Scuola al palazzatto dello Sport di Gardolo, riempiendolo in ogni ordine di posti. Precariato e taglio delle risorse le questioni più importanti sul tavolo. Per quanto riguarda proprio gli insegnanti precari, la Cgil chiede che sia rivista la norma riguardante l'apertura della graduatoria permanente per titoli, consentendo l'inserimento, nelle modalità abituali, degli insegnanti in possesso di abilitazione e abilitandi. "Senza creare una diversificazione ingiusta tra insegnanti di serie A e insegnanti di serie B", commenta commenta Gloria Bertoldi della Flc Cgil.

 
 "Ancora troppo spesso la scuola  diventa il bersaglio di chi pensa a tagliare la spesa pubblica, senza pensare al modello di scuola che si vuole realizzare a favore della cittadinanza, ma anche dello sviluppo - commenta Gloria Bertoldi -. Per noi è fondamentale riconoscere il ruolo e l'impegno profuso quotidianamente dagli insegnanti di tutte le scuole in Trentino. E' tempo quindi di superare la logica di fare cassa con le risorse destinate alla scuola. Per questo porteremo al tavolo di confronto con la giunta provinciale la preoccupazione dei tanti docenti intervenuti oggi a Trento. Alla Provincia chiediamo di rivedere le ipotesi di tagli alle risorse della scuola, inserite in finanziaria, trovando le modalità di rendere più efficace la spesa senza depotenziare i servizi all'utenza".  In ballo ci sono anche retribuzioni e scatti di anzianità per il personale, le modalità per reclutare i docenti, le risorse complessive investite nell'istruzione. 
 
Hanno invece manifestato in piazza Dante un centinaio di giovani laureate, docenti della scuola primaria, che chiedono all' assessore provinciale all'istruzione Dalmaso di riaprire la graduatoria, bloccata al 2010. In Regione sono circa 350 le ragazze che mirano ad insegnare nelle scuole dell' infanzia e in quelle elementari, ma non possono entrare nella graduatorie provinciale di immissione.
 

 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Rovereto, scoperte due specie arboree ignote alla scienza

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Cosa fare a Trento nel week-end: musica dal vivo, feste e castelli aperti

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

  • Incidente sulla A22, schianto auto-camion: traffico in tilt

  • Sedicenne trentino grave dopo un tuffo da 10 metri in Salento

Torna su
TrentoToday è in caricamento