Fermato in via Veneto con un etto di eroina

Due arresti per possesso a fini di spaccio ieri a Trento, sostanze e quantità molto diverse, processo per entrambi lunedì mattina

Contanti e droga sequestrati ieri, 7 aprile

Lo spaccio al parco San Marco è ormai un fatto confermato, purtroppo, da continui riscontri operativi delle forze dell'ordine. Risale al pomeriggio di ieri, sabato 7 aprile, quando uomini della Questura hanno notato un giovane cittadino nigeriano scavare nel terriccio sotto una delle siepi del centralissimo giardino pubblico ed estrarne un involucro con 22 grammi di marijuana, suddivisa in sei piccole "confezioni". Un dettaglio che fa pensare ad uno spaccio destinato a consumatori saltuari, e perlopiù giovani. 

Nella serata di ieri, per lo stesso reato ma riferito ad una droga ben piùpericolosa, è stato arrestato un cittadino tunisino, sorpreso durante un normale controllo in via veneto. Alla richiesta di documenti ha lasciato cadere alcuni "pacchi" e si è dato alla fuga. E' stato inseguito e bloccato, gli involucri caduti a terra recuperati: contenevano complessivamente 138 grammi di eroina. Aveva con se 4.360 euro in contanti, evidente proento della lucrosa attività. Entrambi saranno giudicati con rito direttissimo lunedì mattina. 

Potrebbe interessarti

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Moto, controlli della Polizia Locale: sorpreso in paese a 100 km/h

  • Mandrea Festival: i carabinieri controllano anche la Cannabis Light

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Si schiantano e rimangono incastrati sotto lo scooter: arrivano i Vigili del Fuoco con le pinze idrauliche

Torna su
TrentoToday è in caricamento