Strattonata, chiusa in camera e rapinata: l'incubo di una anziana

L'episodio a Canal San Bovo, dove due ladri si sono introdotti in casa della donna e hanno rubato pochi oggetti di valore, per poi darsi alla fuga

Immagine repertorio

Stava pranzando in casa quando una coppia di malviventi è entrata nella sua casa, ha iniziato a minacciarla per avere denaro e gioielli, poi l'ha strattonata e infine l'ha chiusa nella sua camera da letto. Protagonista di questa disavventura un'anziana di 83 anni, che venerdì scorso è stata rapinata a Canal San Bovo, nella frazione di Ronco-Chiesa. I rapinatori hanno approfittato del fatto che la donna avesse lasciato aperta la porta per ricevere il pasto che le viene consegnato a domicilio.

I due ladri, dopo aver preso i pochi oggetti di valore presenti nell'abitazione della donna e il suo cellulare, hanno tagliato i fili del telefono e si sono dati alla fuga. A quel punto l'83enne è riuscita a liberarsi da sola, spostando il divano che bloccava la porta della camera dove era stata relegata e andando a piedi a chiedere aiuto da un vicino. 

Per fortuna, nonostante il grande spavento, l'anziana non ha riportato ferite gravi, ma solo un livido al braccio, e complessivamente sta bene. Magro il bottino dei malviventi, che sono riusciti a portare via solo i pochi contanti che la donna teneva in casa e due orologi. Secondo la descrizione della vittima, i rapinatori erano due italiani, di corporatura robusta, che hanno agito a volto scoperto. Sull'episodio stanno indagando i carabinieri di Cavalese, per cercare di identificare i malviventi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

  • Il treno Bolzano-Milano è realtà: Frecciarossa dal 15 dicembre

  • Il Rifugio Altissimo si trasforma in una statua di ghiaccio: le immagini impressionanti

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento