Morta un'anziana signora in ospedale ad Arco, potrebbe essere la terza vittima di coronavirus

La signora era ospite presso la Casa di Riposo di Bezzecca, è deceduta all'ospedale di Arco

Un'anziana signora della  Velle di Ledro è morta all'ospedale di Arco. Si teme che possa trattarsi di coronavirus, anche se i medici sono in attesa di conoscerel'esito del tampone. Se il risultato fosse positivosi tratterebbe della terza vittima di coronavirus in Tretino.

La notizia del primo decesso in seguito al virus cinese era stata data dall'assessore Stefania Segnana, in lacrime, nel tardo pomeriggio di giovedì 12 marzo: una donna di 85 anni di Borgo Valsugana, all terzo giorno di ricovero. Il giorno seguente la seconda vittima:il parroco di Campitelloo di Fassa, ultraottantenne, anch'egli entrato in ospedale a Cavalese tre giorni prima. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella conferenza stampa prevista per il tardo pomeriggio di domenica 15 marzo si avranno ulteriori aggiornamenti e, probabilmente, laconferma della causa del decesso. La donna era ospite della Casa diRiposo  di Bezzecca e casi come questo rappresentano l'incubo peggiore all'interno di una situazione che vede i contagi aumentare di giorno in giorno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Azienda trentina brevetta una macchina che produce 70.000 mascherine al giorno

Torna su
TrentoToday è in caricamento