Antichi documenti appartenenti allo Stato in vendita su subito.it: sequestrati

L'operazione del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale

Opere sequestrate (immagine repertorio)

Antichi documenti del 1700 e 1800, appartenenti allo Stato, sono stati ritrovati e sequestrati a Rovereto. 

Ad essere sottoposti a sequestro sono stati quattro documenti dell'archivio comunale di Nago Torbole datati 1813 e altri quattro atti di natura ecclesiastica e amministrativa risalenti al periodo compreso tra 1700 e 1800. Tutti erano in vendita sul canale online subito.it anche se il venditore, spiegano i militari, era in buona fede e non sapeva di commettere un reato.

opere-2

(I documenti sequestrati)

L'operazione rientra nell'ambito dell'attività di prevenzione e contrasto alle aggressioni criminali al patrimonio culturale del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio di Udine, svolta in Friuli Venezia Giulia e in Trentino Alto Adige. Il valore complessivo dei beni sequestrati nel 2018 ammonta a un milione di euro.

I documenti sono stati sottoposti a sequestro poiché di proprietà dello Stato. Per legge infatti la tutela dei beni culturali si estende anche a quelli redatti o realizzati prima dell'Unità d'Italia. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida completamente ubriaca provoca incidente davanti ai carabinieri

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Scivola e precipita in un dirupo: donna muore sotto gli occhi del marito

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Camion perde il carico sulla "Maza": traffico in tilt tra la Busa ed il Garda

  • Boscaiolo morto a Tione: è Paolo Valenti, papà di tre figli ed ex calciatore

Torna su
TrentoToday è in caricamento