Meteo, la Protezione civile: scuole chiuse martedì 30 ottobre

Scuole chiuse per il maltempo in Trentino: martedì, tutte le scuole di ogni ordine e grado, dai nidi fino alle superiori, saranno chiuse su tutto il territorio provinciale. Ecco la situazione sulle strade

Scuole chiuse per il maltempo in Trentino: martedì, tutte le scuole di ogni ordine e grado, dai nidi fino alle superiori, saranno chiuse su tutto il territorio provinciale. A comunicarlo è la Protezione Civile al termine dell'incontro di questa mattina.La Provincia ha deciso anche di anticipare il rientro da scuola in 31 istituti del Trentino. Oggi verranno chiuse alcune scuole della Valsugana mentre nel capoluogo il torrente Fersina è sotto stretta osservazione e la Protezione Civile sta preparando un piano di evacuazione per alcune zone lungo l'argine, in particolare fra San Pio X e via Einaudi. Il piano potrebbe scattare questa sera se le condizioni dovessero peggiorare. Nella Sala Operativa della Protezione Civile, coordinata dall’assessore Tiziano Mellarini e dal dirigente generale Stefano De Vigili, riunita presso la Caserma dei Vigili del Fuoco Permanenti di Trento, la situazione è costantemente monitorata. Dal pomeriggio di oggi chiuderanno le scuole che si trovano sul fondovalle della Valsugana, zona che presenta i maggiori problemi sul piano della viabilità.

Come detto nella giornata di domani chiuderanno tutte le scuole trentine, di ogni ordine e grado, con esclusione dell’Università. Per tutti i cittadini, vale la raccomandazione, dal pomeriggio di oggi a tutta la giornata di domani, di muoversi con i propri mezzi solo se strettamente necessario, vista la possibilità che sulle strade si verifichino smottamenti che costringano ad interrompere la viabilità. "Voglio ringraziare - ha detto l'assessore Mellarini - le donne e gli uomini della Protezione Civile che si stanno prodigando da molte ore per questo evento e rinnovo l'invito ad usare il meno possibile i mezzi privati e solo per spostamenti indispensabili". 

Durante il turno di notte la Centrale dei vigili del fuoco ha risposto a circa una decina di chiamate dei cittadini, mentre un centinaio di richieste sono arrivate ai vigili del fuoco volontari. Tutte le richieste sono state prese in carico e gestite dal corpo. In vista del perdurare del maltempo, i vigili del fuoco hanno proseguito le operazioni di preparazione dei sacchi di contenimento presso il magazzino della Protezione civile di Lavis.

Le criticità maggiori si registrano in queste località: 

- Rischi di frane a Centa s. Nicolò con probabile evacuazione precauzionale in mattinata della frazione Valle (50 persone coinvolte) in vista delle piogge previste nel pomeriggio;

- In frazione Piccoli a Lavarone sono state evacuate 5 persone per lo smottamento della strada;

- I tre vigili del fuoco volontari, che avevano recuperato 2 dispersi nei pressi del passo Manghen, sono rimasti bloccati a causa di una  serie di interruzioni della viabilità e hanno chiesto di essere recuperati dall'elicottero. Considerate le avverse condizioni meteo, il recupero sarà affidato al soccorso alpino;

- Chiusura passo Manghem;

- Smottamento a Treville di Ragoli con rischi per l'acquedotto ed alcune case. In questo caso è stato rimosso il materiale franato e lo smottamento è ancora in atto. E’ stato richiesto l'intervento del geologo che nella prima mattina di oggi era già sul posto;

- Il geologo interverrà anche in frazione Bernardi a Roncegno per un sopralluogo; 

- Sulla rete stradale provinciale sono state chiuse una decina di strade, così come altre tratte secondarie per smottamenti;

- Sul torrente Centa sono in corso lavori di abbattimento piante, che cadendo potrebbero intralciare il flusso, da parte dei Bacini Montani.

Questa la situazione delle strade trentine alle ore 10.50

Tratte stradali chiuse al transito

Trentino meridionale

SS 350 di Folgaria e di Val D’Astico dal km 20,000 loc. Carbonare di Folgaria al km 21,500 loc. Nosellari per smottamenti e da loc. Buse al km 24,000 al km 27,500 confine con provincia di Vicenza, per franamenti. La strada statale è chiusa anche dal Veneto;

SP 90 Destra Adige II tr per allagamento della galleria di Chiusole, transito deviato lungo l’abitato;.

SP 90 Destra Adige dir Borghetto I tr per allagamento del sottopasso ferroviario verso SS 12 del Abetone e Brennero;

SP 138 del Passo della Borcola al km 4,500, a monte di loc. Incapo, nel comune di Terragnolo, per smottamento.

Trentino occidentale

SP 34 del Lisano e Seséna per caduta massi tra bivio per Val D’Algone e loc. Rio Bianco di Stenico. Alternative SS 237 del Caffaro e SS 421 dei laghi di Molveno e Tenno.

Trentino orientale

SP 31 del Passo Manghen, dal km 8,200 loc. Bivio per Musiera nel comune di Telve, fino al km 38,800 loc. Piazzol lato Val di Fiemme. Distrutto impalcato del ponte sul rio Piazzina al km 35+200 oltre che divelta la sede stradale in prossimità;

SP 79 del Passo del Broccon da località Ronco km 18 circa lato Vanoi fino al passo, nel comune di Canal San Bovo, per schianto di alberi;

SP 56 di Caoria, tratto finale verso Refavaie, dal km 9,400 al km 10,600, nel comune di Canal San Bovo per esondazione torrente;

SP 221 della Val Noana al km 1,200, nel comune di Imer, per pericolo caduta sassi;

SP 133 di Monterovere dal km 2,000 dopo Caldonazzo al  bivio verso “Menador” al km 11,200 circa, innesto con SS 349 della Val D’Assa-Pedemontana Costo, per diversi smottamenti.

Trentino settentrionale

SS 48 variante di Predazzo chiusa circonvallazione con deviazione in centro abitato per pericolo caduta massi;

SP 250 di Valfloriana dal km 5,850 loc. Fior di Bosco per smottamento;

SP 240 del Cermis dal km 1 circa per esondazione rio sulla strada poco a valle della stazione intermedia;

SP 90 Destra Adige V tr a nord dell’abitato di Roverè della Luna per caduta sassi lungo la SP 14 in provincia di Bolzano.

Tratte stradali percorribili con restringimento di carreggiata a senso unico alternato

SS 42 del Passo del Tonale e della Mendola, al km 151,000 circa (a due chilometri dal passo circa), per grossa radice scalzata sopra un muro di sostegno;

SS 50 del Passo Rolle al km 106 circa, loc. Lago di Forte Buso per riversamento acqua sulla carreggiata;

SS 620 del Passo di Lavazè, all’intersezione con la SP 126 della Taoletta, per cedimento rampa;

SS 349 della Val D’Assa Pedemontana Costo, al km 37,00 loc. Monterovere, per crollo breve tratto di scogliera di sostentamento;

SP 215 di Pampeago a chilometriche varie per piccole esondazioni;

SP 48 del Monte Velo al km 7,700, a metà percorso tra Bolognano e Passo Santa Barbara, per smottamento blocco roccioso a lato carreggiata;

SP 67 del Lovernatico al km 8,700, a monte dell’abitato di Campodenno in direzione Cunevo, per smottamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020: in Trentino due tappe fondamentali, ed un passo inedito

  • Vino DOC falso da Pavia a Lavis: blitz della Guardia di Finanza

  • Gardaland: apre il parco acquatico Lego, ecco come sarà

  • Vino DOC contraffatto: perquisizioni in Trentino, blitz all'alba e sette arresti

  • Padre e figlio bracconieri denunciati in Val di Sole: stavano decapitando un cervo

  • Tragedia a Villazzano: anziana muore intrappolata nell'incendio

Torna su
TrentoToday è in caricamento