Progetti di 'alfabetizzazione motoria' per gli studenti di 427 classi

A partire da questa settimana, 76 docenti esperti laureati in scienze motorie e diplomati Isef, avvieranno i percorsi di formazione che prevedono un numero massimo di 20 ore di lezione in 427 classi all'interno di 46 istituti comprensivi

Ritorna il progetto di 'Alfabetizzazione motoria' nelle classi prime e seconde delle scuole elementari grazie all'accordo tra il Comitato provinciale del Coni e la Provincia autonoma di Trento. A partire da questa settimana, 76 docenti esperti laureati in scienze motorie e diplomati Isef, avvieranno i percorsi di formazione che prevedono un numero massimo di 20 ore di lezione in 427 classi all'interno di 46 istituti comprensivi. I docenti affiancheranno nelle ore curricolari in palestra l'insegnante di classe proponendo lavori mirati all'apprendimento di schemi motori di base con l'intento di favorire la cooperazione e la conoscenza reciproca tra gli alunni.

"A tutti i docenti esperti auguro buon lavoro", ha dichiarato la presidente del Coni di Trento, Paola Mora. "Sono orgogliosa dei risultati fin qui ottenuti in collaborazione con la Provincia ed assicuro il massimo impegno della Scuola regionale dello sport nella formazione del personale coinvolto in prima linea nella formazione sportiva a favore della cittadinanza attiva", ha aggiunto. La Scuola regionale dello sport sta valutando di estendere l'offerta formativa del progetto alla scuola dell'infanzia ed alle classi terze della scuola elementare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

Torna su
TrentoToday è in caricamento