Maltempo, 2 milioni di alberi caduti: "Dovranno essere utilizzati da filiera trentina"

Tra le criticità c'è quella di trovare imprese che possano cominciare a lavorare al più presto e anche quella di reperire i piazzali dove portare il materiale raccolto

Il legname abbattutto dalla furia del vento deve essere valorizzato dalla filiera trentina. È quanto emerso dalla nuova riunione della task force convocata dal Dipartimento territorio, agricoltura, ambiente e foreste della Provincia autonoma di Trento, in seguito all'evento meteorologico straordinario che ha colpito circa 7000 ettari del patrimonio boschivo trentino, lasciando a terra 2 milioni di metri cubi di alberi. Un gruppo di lavoro che coinvolge i proprietari forestali, Consorzio dei Comuni, le Asuc, Magnifica Comunità di Fiemme e Regola Feudale di Predazzo, il sistema delle imprese e i liberi professionisti del settore forestale, con l’obiettivo di condividere le varie azioni da mettere in campo nel più breve tempo possibile nell'ambito di un approccio di sistema. Presenti anche i rappresentanti della Sezione Legno di Confindustria, dell’Associazione dei proprietari forestali privati e della Camera di Commercio e Habitech. Al centro della discussione alcune criticità, come quella di trovare imprese che possano cominciare a lavorare al più presto e quella di reperire i piazzali dove portare il materiale raccolto. Fra le notizie positive, è emerso invece il fatto che gli alberi abbattuti, quanto meno quelli che mantengono un radicamento al terreno, possano conservarsi per un certo tempo senza che ne venga intaccata la qualità del legno.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come ha evidenziato il dirigente generale del Dipartimento, Romano Masè, che ha relazionato sullo stato dell’arte, è quanto mai necessario entrare in una fase operativa, nella quale venga definito il ruolo di tutti i soggetti coinvolti, per affrontare con tempestività la pianificazione urgente delle azioni necessarie, che vanno dal ripristino della viabilità forestale al recupero della biomassa legnosa, fino alle attività di ricostruzione dei popolamenti forestali distrutti dall'evento. Fra le questioni più importanti da affrontare nell'immediato, quella di semplificare le procedure amministrative. In questo senso dovrebbe arrivare a breve un decreto del Capo dipartimento della Protezione civile nazionale, Angelo Borrelli, che potrebbe eventualmente essere integrato da un decreto del presidente Fugatti. Tema centrale della partita, da tutti auspicato, quello di agire in una logica di filiera. Nei prossimi giorni si terrà un incontro con i Comuni al fine di verificare l'ipotesi, emersa nel corso della riunione, di privilegiare il recupero del legno caduto rispetto alle attività ordinarie di prelievo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Aquila uccisa nel suo nido, muoiono anche i piccoli: chiesta un'indagine

Torna su
TrentoToday è in caricamento