Leucemie: Rotaliana e Valle di Non le zone con la maggior incidenza

"Sono dati certi del reparto di ematologia dell'ospedale di Bolzano su trentini che sono stati trapiantati a Bolzano", ha dichiarato il presidente di Ail del Trentino, Roberto Valcanover

La Valle di Non e la Rotaliana sono le zone del Trentino in cui è maggiore l'incidenza delle leucemie. Lo ha dichiarato il presidente di Ail del Trentino, Roberto Valcanover, ospite questa mattina negli studi di Rttr. In Trentino, ogni anno, ci sono circa 20 casi in età pediatrica e circa 80 in età adulta tra leucemie, linfomi e mielomi. "Dai dati che abbiamo noi come Ail le più colpite negli ultimi sono valle di Non e Rotaliana. Sono dati certi del reparto di ematologia dell'ospedale di Bolzano su trentini che sono stati trapiantati a Bolzano", ha dichiarato il presidente Valcanover. Ail del Trentino, che quest'anno festeggia i 20 anni di attività, può contare su quasi 700 volontari e promuove iniziative di sostegno ai malati e alle loro famiglie: "L'anno scorso sono state aiutate 42 famiglie in Trentino economicamente, magari chi perde il lavoro, chi si trova per mesi in ospedale... Ail Trentino decide di sostenere anche queste difficoltà", ha aggiunto ancora Valcanover.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coranavirus, supermercati presi d'assalto anche in Trentino

  • Un caso di Coronavirus in Alto Adige

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Vastissimo incendio, la montagna brucia da due giorni e le fiamme lambiscono le case

  • Gravissimo incidente in A22, auto si schianta contro un tir: muore un uomo

  • Nuovo caso di coronavirus in Trentino: è una donna del Lodigiano in vacanza a Folgarida

Torna su
TrentoToday è in caricamento