A Rovereto si produce il collirio autologo, preparato con il sangue del paziente

In particolare il siero collirio autologo o autosiero viene preparato su indicazione dello specialista oculista e si ottiene tramite un prelievo di circa 200 ml di sangue del paziente, che viene centrifugato e trattato per ottenere circa 45 confezioni di collirio monodose

Da fine settembre il Centro trasfusionale di Rovereto produce, in accordo con gli specialisti dell’Unità operativa multizonale di oculistica, il siero collirio autologo, un preparato che viene usato per curare la secchezza oculare nelle forme importanti e scarsamente rispondenti ad altre terapie. In particolare il siero collirio autologo o autosiero viene preparato su indicazione dello specialista oculista e si ottiene tramite un prelievo di circa 200 ml di sangue del paziente, che viene centrifugato e trattato per ottenere circa 45 confezioni di collirio monodose. Questi colliri comprendono il concentrato piastrinico ad uso non trasfusionale (comunemente chiamato PRP collirio) e il siero collirio, che può derivare da sangue intero autologo (il donatore è il paziente stesso) o, in casi particolari, da sangue intero prelevato a donatori. Il siero collirio contiene, inoltre, fibronectina e vitamine che contribuiscono all’integrità della superficie oculare svolgendo un effetto epitelio trofico, per cui l’utilizzo è raccomandato anche nelle forme di difetti epiteliali ricorrenti come la sindrome di Sjogren e in tutte quelle situazioni cliniche in cui diventa necessario favorire i naturali processi riparativi e rigenerativi della superficie oculare come ad esempio le ulcere corneali, le abrasioni ricorrenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

  • Il treno Bolzano-Milano è realtà: Frecciarossa dal 15 dicembre

  • Il Rifugio Altissimo si trasforma in una statua di ghiaccio: le immagini impressionanti

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento