Lases, operaio cinese sequestrato e picchiato in cava

L'uomo, senza stipendio da mesi, in un gesto di stizza avrebbe distrutto una macchina cubettatrice. Minacciato con una pistola è stato picchiato e legato per più di un'ora in una baracca da tre macedoni che devono rispondere di accuse pesantissime

Avrebbero minacciato con una pistola, picchiato e infine sequestrato per un'ora un lavoratore cinese di quarant'anni, dipendente di una cava di porfido di Lona Lases. I fatti risalgono al dicembre del 2014 e le accuse per tre macedoni sono lesioni e sequestro di persona. Secondo la ricostruzione degli inquirenti il lavoratore avrebbe danneggiato di proposito una macchina cubettatrice di proprietà dell'azienda per la quale lavorava, a causa degli stipendi arretrati che non gli erano stati pagati. Il gesto sarebbe stato immortalato dalle telecamere di sicurezza: i tre macedoni lo avrebbero minacciato con una pistola picchiandolo sul viso con una torcia fino a fargli perdere i sensi. Infine, con le mani legate il cinese è stato condotto in una baracca dove il pestaggio sarebbe proseguito per più di un'ora. Gli stessi tre macedoni avrebbero poi avvisato i carabinieri denunciando l'operaio per il danneggiamento. Giunti sul posto i militari avrebbero trovato la vittima ancora legata e dolorante. Solo dopo mesi l'operaio Quarantenne cinese ha trovato il coraggio di denunciare i suoi datori di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Campiglio, drammatico incidente sugli sci: gravissima una ragazza di 25 anni

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Malessere collettivo a Folgarida: il virus potrebbe essere stato portato dagli studenti

Torna su
TrentoToday è in caricamento