Scavano per sei ore un tunnel di 12 metri con la motosega per far arrivare l'acqua al rifugio

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Hanno scavato un tunnel lungo 12 metri, con la motosega, per far tornare l'acqua al rifugio. Protagonisti i Lott, gestori del Rosetta - a 2.581 metri di quota, nelle Pale di San Martino - che aprirà al pubblico giovedì 20 giugno. La famiglia ha dovuto creare un varco nella neve per arrivare ai tubi dell'acqua. 

I lavori per riportare l'acqua al rifugio sono durati circa sei ore, ma hanno permesso di avere di nuovo il lusso di una doccia calda, come annuncia la famiglia Lott sulla pagina Facebook del Rosetta. Al momento il luogo è a tutti gli effetti pronto per ospitare i trentini e i  turisti che vorranno apprezzarne l'incredibile paesaggio.

Potrebbe Interessarti

  • Temporale in Vallagarina: il sottopasso diventa un lago

  • Orsetto curato al centro Casteller: il momento della liberazione

  • Giro di prostituzione cinese a Trento e Mezzolombardo: il blitz dei carabinieri

  • Più di un mese in meno di 15 secondi: il timelapse dello scioglimento della neve

Torna su
TrentoToday è in caricamento