"Con il treno diretto Bolzano-Milano 40.000 auto in meno sulla A22"

Il dato, che è una previsione per il 2020 ma si basa sui biglietti già venduti, è stato diffuso dal presidente Kompatscher

Il treno diretto Bolzano-Milano toglierà dalla A22 ben 40.000 auto. La previsione è stata diffusa dal presidente della Provincia autonoma di Bolzano Arno Kompatscher e ripresa dal sito Altoagideinnovazione.com, promotore della petizione che ha portato ad istituire un treno diretto con il capoluogo lombardo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Alto Adige i toni sono entusiastici, anche perchè le novità ferroviarie riguardano anche i collegamenti diretti con Vienna, senza contare il ritorno dei voli di linea all'Aeroporto di Bolzano.  C'è però la polemica legata agli orari, giudicati poco utili, del treno Bolzano-Milano, visto che è praticamente impossibile andare e tornare in giornata. "Stiamo lavorando con la Provincia autonoma di Bolzano per ottimizzare i collegamenti esistenti e pianificare nuovi progetti" assicura l'amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono a margine del colloquio con i vertici della Provincia. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Con il furgone contro una corriera: muore sul colpo

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Azienda trentina brevetta una macchina che produce 70.000 mascherine al giorno

Torna su
TrentoToday è in caricamento