Bocconi avvelenati a Pergine: l'associazione Aidaa mette una "taglia" di 6.000 euro

Seimila euro a chi contribuirà a "consegnare" alle autorità l'avvelenatore, o gli avvelenatori, che finora hanno causato la morte di 10 cani nei boschi di Pergine

Seimila euro a chi "ci aiuterà a individuare, denunciare e  far condannare in via definitiva il responsabile di questa vera strage di cani nel paese del Trentino". La "taglia" sull'avvelenatore, o gli avvelenatori, a Pergine arriva dall'associazione nazionale animalista Aidaa. Sarebbero già dieci i casi di cani deceduti dopo aver ingerito bocconi avvelenati in varie località boschive attorno al paese. Una situazione che sta diventando insostennibile per tutti i possessori di cani, oltre che odiosa per gran parte dell'opinione pubblica. 

"Si tratta di avvelenamenti che sono avvenuti iin questi primi sei mesi dell'anno e alcuni di loro sono morti a quanto pare si tratta di una faida tra cacciatori e bracconieri del luogo che per avvelenare i cani avrebbero usato in diversi casi con l'ENDOSULFAN un potente insetticida  usato in agricoltura e bandito già da alcuni anni dall'Unione Europea" si legge in un comunicato dell'Aidaa,, che ha messo "sulla testa" del responsabile 6.000 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Campiglio, drammatico incidente sugli sci: gravissima una ragazza di 25 anni

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

Torna su
TrentoToday è in caricamento