Soccorso nautico: i Vigili del Fuoco dell'Alto Adige imparano dai colleghi rivani

Manovra nel lago e nel fiume Sarca

Nella mattinata di sabato 13 aprile, il corpo dei Vigili del Fuoco di Riva del Garda ha collaborato con i volontari di Egna, Vadena e Salorno pre trasmettere le competenze nel soccorso nautico e acquatico di superficie apprese in 60 anni di attività sul lago di Garda.

Non è la prima volta che altri corpi di Vigili del Fuoco chiedono ai volontari rivani di farsi parte attiva nel trasmettere le proprie esperienze e competenze. particolarmente In questo caso circa 30 vigili del fuoco con 6 imbarcazioni ed una moto d'acqua, in un giornata uggiosa, hanno spazzolato in lungo ed in largo l'alto lago e il fiume Sarca per inscenare diversi casi di soccorso nautico.

Ed è così che si è passati dalle classiche manovra di guida con virate veloci ed ormeggi al traino di imbarcazioni in avaria, per poi continuare con il recupero di un uomo a mare fino all'abbandono della nave con annesse tecniche di sopravvivenza. Questi corpi solitamente operano su scenari fluviali che richiedono tecniche diverse dai laghi sia per qunto riguarda la navigazione che il soccorso. La manovra ha infatti permesso di avere la giusta attitudine con l'ambiente acqua a tutti i corpi intervenuti.

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

  • Val Daone: 15 mucche spaventate dal temporale cadono in un dirupo

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento