Ferrovie in sciopero: possibili ritardi e cancellazioni

Sciopero a livello nazionale, disagi anche in Trentino. Tutte le informazioni

Ancora disagi nei trasporti: dopo lo sciopero di mercoledì scorso degli autobus e dei treni locali arriva una giornata di fermo delle ferrovie nazionali. Lo comunica il Servizio trasporti pubblici della Provincia autonoma di Trento, che prevede ritardi e cancellazioni anche in Trentino sulle linee del Brennero e della Valsugana. Lo sciopero, proclamato dai lavoratori del Gruppo Ferrovie dello Stato, inizierà alle 21.00 di giovedì 28 novembre e terminerà alle 21 di venerdì 29 novembre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i treni regionali sono garantiti i servizi essenziali previsti in caso di astensione dal lavoro nei giorni feriali dalle ore 6.00 alle ore 9.00 e dalle ore 18.00 alle ore 21.00, mentre lungo la Valsugana sono garantiti i servizi svolti da Trentino trasporti; in tal modo è quindi assicurata circa la metà delle corse.
L’agitazione sindacale può comportare modifiche al servizio anche prima dell’inizio e dopo la sua conclusione.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso si avvicina all'escursionista e lo segue: l'incontro è avvenuto in Val di Non

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Viveva in Trentino e aveva circa 20 anni il ragazzo trovato morto su un treno

  • Allerta meteo in Trentino: in arrivo nubifragi e grandine

  • Trovato il corpo senza vita di un giovane sopra al treno proviente da Trento

  • Cade nel fiume: ripescato vivo un chilometro e mezzo a valle, è grave

Torna su
TrentoToday è in caricamento