Sciopero nella sanità: disagi alle visite ambulatoriali ed ai prelievi

Sciopero nazionale di Oss e infermieri: ecco la nota dell'Apss

Scioperò nella sanità: disagi in vista per martedì 19 novembre, nei settori delle visite ambulatoriali e dei prelievi. Lo scrive l'Azienda sanitaria provinciale annunciando che il sindacato professionale SHC Sanità Human Caring uno sciopero nazionale di 24 ore per il settore sanità pubblica, privata, terzo settore, residenze sanitarie assistenziali, residenze assistenziali e aziende per i servizi alla persona. Lo sciopero riguarderà solamente il personale dell’area non dirigenziale e specificamente: operatori socio sanitari, infermieri generici, puericultrici, ausiliari socio assistenziali, operatori socio assistenziali, ausiliari, operatori tecnici addetti all’assistenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Azienda provinciale per i servizi sanitari del Trentino - prosegue la nota - si è attivata per garantire i servizi pubblici essenziali e garantire agli utenti la continuità assistenziale, determinando i contingenti minimi di personale. L’assistenza sanitaria d’urgenza (servizi di emergenza e pronto soccorso) sarà garantita, mentre potrebbero esserci disagi per quanto riguarda le attività programmate, in base alle adesioni allo sciopero. Possibili disservizi quindi potranno verificarsi per le visite ambulatoriali programmate e i prelievi del sangue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

Torna su
TrentoToday è in caricamento