Rovereto, al via i percorsi formativi desitinati alle donne vittime di violenza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, la violenza contro le donne rappresenta “un problema di salute di proporzioni globali enormi” con importanti implicazioni nel tessuto sociale locale. Dagli ultimi dati pubblicati dall’Osservatorio provinciale sulla violenza di genere nel corso del 2018 la rilevazione ha registrato 696 denunce e procedimenti di ammonimento riconducibili a violenze di genere: per la fascia di età tra i 16 e i 64 anni sono stati registrati 627 eventi con una media di quasi cinquanta al mese, 1,7 al giorno. Nell’83% dei casi la vittima conosce l'autore; nel 61% dei casi si tratta di partner o ex partner. Questo studio, però, prende in esame denunce: si tratta quindi di quella parte del fenomeno che arriva alle istituzioni ma che verosimilmente ne rappresenta una sottostima. La Giunta della Provincia di Trento impegnata ormai da anni in azioni di supporto nei confronti delle donne vittime di violenza ha posto in essere diverse azioni di tipo economico-lavorativo. Per questo si è ipotizzato attraverso gli Avvisi rivolti all’inclusione socio-lavorativa, a valere sull'Asse 2 "Inclusione Sociale" del Programma Operativo FSE 2014-2020, una presa in carico da parte delle istituzioni nell’ottica di un inserimento lavorativo, attraverso azioni formative e attività di supporto. L’autonomia economica e lavorativa costituisce infatti in questo caso uno strumento indispensabile per uscire da una situazione di violenza in quanto favorisce la ricostruzione dell’autostima e quindi anche la ripresa di relazioni sociali positive e crea le basi dell’indipendenza economica dall’aggressore in primis. Sono stati approvati dalla Agenzia per il lavoro 4 interventi che sono attualmente in corso. Tra queste iniziative vi è quella proposta da Intelliform "Il Talento delle Donne: Rimettiamoci in gioco" strutturato in 3 percorsi formativi per lo sviluppo di figure professionali altamente ricercate sul territorio trentino: Bartender, Amministrazione del personale, Addetta alle vendite. Ogni donna coinvolta potrà contare sulla presenza di un life coach a sostegno dell'azione di empowerment. Inoltre, i corsi, che si svolgeranno a Rovereto, saranno organizzati in modalità part-time (4 ore al giorno) per permettere alle partecipanti di conciliare il percorso professionale con la cura dei propri impegni familiari. Al termine dell'esperienza formativa, Tempor SpA - Agenzia per il lavoro, promuoverà le candidate presso le proprie aziende clienti per nuove opportunità lavorative in linea con le competenze acquisite. Le iscrizioni sono aperte fino al 20/12/2019, mentre i corsi inizieranno indicativamente dal 20/01/2020. Un'iniziativa importante per tutte le donne in età lavorativa vittime di violenza, che vogliono rimettersi in gioco, presenti sul territorio della provincia di Trento e prese in carico dai servizi sociali territoriali.

Torna su
TrentoToday è in caricamento