Porto d'armi ai condannati se "riabilitati": in Trentino 700 casi da esaminare

Il presidente del Consiglio provinciale Paccher: "L'esclusione automatica era un ostacolo per molti appassionati"

Porto d'armi anche per i condannati, ma solo se "riabilitati". E' quanto prevede il decreto legislativo 104 che modifica il testo Unico sulla sicurezza. La questione è stata affrontata congiuntamente dal Questore di Trento Giuseppe garramone e dal Presidente del Consiglio Provinciale Roberto Paccher il quale ha comemntato favorevolmente la nuova norma visto che, ha detto, "l'esclusione automatica rappresentava un ostacolo per molti appassionati".

Si parla di circa 600-700 casi in Trentino, che andranno presi in esame singolarmente. E' presumibile che non tutti, naturalmente, si risolvano con la riammissione al porto d'armi. " La pratica venatoria non è solo uno sport, ma innanzitutto – ha detto Paccher – un modo per vivere la natura e proteggerla. Nessuno più di un cacciatore vuole un ambiente ricco e sano e per questo il nostro impegno è quello di tutelare il territorio e la fauna che vi abita. 

Potrebbe interessarti

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Moto, controlli della Polizia Locale: sorpreso in paese a 100 km/h

  • Mandrea Festival: i carabinieri controllano anche la Cannabis Light

I più letti della settimana

  • Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento