Passo Stelvio aperto: lungo la strada muri di neve da 4 metri

Passo Stelvio aperto da sabato 15 giugno, dopo le intense nevicate di aprile e maggio

Passo Stelvio, 13 giugno, foto dalla pagina facebook

Dopo il Gavia anche lo Stelvio ha ufficialmente riaperto il transito: sono stete settimane di lavoro intenso per riaprire la strada, completamente sommersa dalle nevicate dell'inverno e soprattutto della primavera 2019, ma finalmente la strada è pronta per la bella stagione.

Da sabato 15 giugno la strada del Passo dello Stelvio è nuovamente percorribile dal traffico veicolare. Gli operatori del Servizio strade Val Venosta sono stati impegnati sino a pochi giorni fa nei lavori di sgombero della neve lungo la strada del Passo dello Stelvio, il valico a quota più elevata dell’intero arco alpino. Oltre allo sgombero della neve gli operatori hanno dovuto sgombrare da terra e detriti un tratto della strada sopra l’abitato di Trafoi depositati da un torrente straripato che ha completamente ricoperto la carreggiata. I lavori di sgombero della neve dalla strada dello Stelvio che raggiunge i 2.757 metri di quota, sono iniziati, come di consueto in aprile.

“Sino a poche settimane fa i mezzi sgombraneve hanno operato su di un fronte nevoso che, a 2.188 metri di quota, raggiungeva i 4 metri di altezza”, sottolinea Hubert Pfeifer, responsabile del servizio. L’assessore competente Daniel Alfreider esprime il proprio ringraziamento a tutti i collaboratori del Servizio strade provinciale per “il loro impegno finalizzato all’apertura ed alla messa in sicurezza di queste importanti arterie alpine”.

Potrebbe interessarti

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Parabrezza in frantumi: colpa di una pigna

  • Allevatori esasperati da orsi e lupi scendono in piazza: Fugatti c'è, molti fan tra i manifestanti

  • Guardia medica assente, Apss: "Si è dimesso, procederemo anche per danno d'immagine"

I più letti della settimana

  • Drammatico incidente a Levico: quattro feriti soccorsi dall'elicottero

  • Escherichia coli nell'acquedotto: in 90 con sintomi gastrointestinali. Il sindaco: "Bollite l'acqua"

  • Fanno il bagno nel Garda: escono con punti rossi e prurito

  • Si tuffa nel lago davanti a moglie e figlie e scompare

  • L'orso M49 è scappato dal Casteller dopo la cattura

  • L'orso M49 è sulla Marzola, la montagna sopra Trento

Torna su
TrentoToday è in caricamento