Mafia nigeriana: plauso del presidente Fugatti per l'operazione antidroga

Il governatore trentino: "Operazione che contribuisce a neutralizzare la sensazione di insicurezza dei cittadini"

"Abbiamo sempre detto che quella contro la droga è una guerra da combattere senza esitazione. Quello che si registra oggi è un importante punto a favore di chi combatte per la sicurezza e la legalità" . Con queste parole il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, commenta l'esito di una vasta operazione antidroga condotta stamani all'alba dalle forze dell'ordine di Trento che ha portato all'arresto di numerosi esponenti di quella che si ritiene espressione della mafia nigeriana.

"Voglio ringraziare a nome di tutti i cittadini le forze dell'ordine coordinate dal questore Garramone, dal Commissario del Governo Lombardi e dal procuratore capo Raimondi che hanno preso a cuore le preoccupazioni della comunità trentina. Notizie come questa contribuiscono a neutralizzare quella percezione di insicurezza che purtroppo anche circoscritti episodi di criminalità e spaccio, come quelli registrati dalle cronache degli ultimi giorni, contribuiscono ad alimentare".

Comunicati ufficiali di plauso alle forze dell'ordine per l'operazione sono arrivati in mattinata anche dall'assessore all'Istruzione Mirko Bisesti e dal presidente del Consiglio Regionale Roberto Paccher, entrambi della Lega Salvini, ma anche dalla segreteria provinciale del Partito Democratico e dal sindaco di Trento, rappresentante della coalizione di centrosinistra, Alessandro Andreatta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Non vi è dubbio - ha detto Andreatta - che buona parte dei problemi di sicurezza nella nostra città, così come in tante altre, sia determinata da eventi correlati alla vendita ed al consumo di droga e che le organizzazioni criminali dedite a questa commercio siamo le più pericolose perché senza scrupoli. Criminali che non esitano a spacciare anche davanti alle scuole, agli studenti, ai ragazzi. Un grazie per tramite mio da parte di tutta la città di Trento che, dopo questi massicci arresti, è un po' più sicura". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • Viveva in Trentino e aveva circa 20 anni il ragazzo trovato morto su un treno

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

  • Trovato il corpo senza vita di un giovane sopra al treno proviente da Trento

Torna su
TrentoToday è in caricamento